Laboratorio Canalini Ercole    Marmi      Carrara

PUBBLICAZIONI SULLA NOSTRA AZIENDA

La prestigiosa rivista di arredamento ed architettura AD (Architectural Digest - Le piu' belle case del mondo) nel num. 219 - AGOSTO 1999 ha dedicato un servizio su una bellissima casa di Tellaro restaurata dall' arch. TIZIANO LERA .
Questa casa sorge in un'antica torre situata proprio sugli scogli del borgo di Tellaro e tutti i marmi impiegati nel restauro sono stati realizzati dalla nostra ditta.
I luminosi pavimenti del soggiorno sono in marmo con intarsi di bronzo.
La scala di marmo che porta ai piani superiori
e la camera padronale con il pavimento in TEAK
ed intarsi di marmo.

Quotidiano LA NAZIONE del 11/9/2001









Quotidiano LA NAZIONE    Aprile 2003




LA STATUA DELLA MADONNA DEL ROSARIO IN MARMO DI CARRARA

E' sempre stato un sogno dei Pescatori, in particolar modo del compianto Albione Angelo. Grazie ai loro risparmi ed alla loro generosità, risparmio su risparmio, ed a quella del Comitato Madonna del Rosario chiamato più comunemente dei Pescatori, si è giunti alla bella quota di L. 19.230.000, prezzo richiesto dalla Ditta Incammisa Vincenzo di Custonaci, nè una lira in più e nè una lira in meno. Dopo quasi un anno dall’ordinazione sabato 24 giugno alle ore 9 la statua entrava in chiesa al suono delle campane.
La realizzazione di tale statua è stata eseguita totalmente a mano, utilizzando marmo bianco della cava Michelangelo di Carrara, senza modello, unica foto quella della statua in legno della Madonna del Rosario ai “Pretti” ormai deteriorata dal tempo, la cui origine si perde nella memoria d’uomo.
La collocazione invece risale al 2 Ottobre 1955. 
Lo scultore è il Signor Canalini Ercole, di Carrara, che ha impiegato 40 giorni di lavoro certosino.
Il peso si aggira sui 7 quintali, altezza cm. 187, profondità 44, larghezza 44. 

Lo scultore ha cercato di imitare la vecchia statua in legno della Madonna del Rosario, ad onore del vero possiamo dire che è riuscito nell’intento.
Dove sarà collocata questa statua non è facile da stabilire a priori;
ci sono difficoltà contingenti sia di ordine burocratico, sia di ordine di intesa fra le varie persone.
E' nata per essere collocata a San Leonardo, vogliamo augurarci che entro breve tempo ci si possa mettere d’accordo e così Maria, la Madre di Dio, dall’alto della colonna benedirà tutti i pescatori, uomini di mare, che ogni giorno lottano per guadagnare da vivere per le loro famiglie.
Il mare è sempre imprevedibile e quindi pericoloso per la vita dei naviganti.
La storia ci ricorda che troppi sono i morti inghiottiti dal grande mare.
A loro dedichiamo questo monumento della Madonna dei Pescatori.